Lapaweb

Seguici su Facebook o G+
Home Come fare un sito web |

Come fare un sito web

In questa guida introduttiva riassumo i principali passi da seguire per fare un sito web e creare da sé una prima pagina web. Sono una raccolta di consigli utili dedicati a chi desidera avere un sito web, o almeno una prima pagina HTML, ma non sa come fare e da dove iniziare. Parto dal presupposto che il lettore abbia una conoscenza pari a zero sull'argomento... quindi cercherò di spiegarlo in modo semplice ma esaustivo. Come prima cosa è molto importante avere un'ottica di insieme su cosa è un sito web. Un paragone può aiutare a capire. La realizzazione di un sito web è il risultato di un processo molto simile alla costruzione di una casa. Ci sono molte similitudini tra i due concetti. Per avere una casa ( sito web ) abbiamo bisogno di un terreno ( spazio web ) ove costruire, di un indirizzo ( nome di dominio ) per trovarla e delle stanze ( pagine web ) in cui riporre gli oggetti ( testi, foto, ecc. ).

COME FARE UN SITO WEB - LE COMPONENTI PRINCIPALI DI UN SITO WEB

Una casa viene progettata su carta da un architetto ed è costruita da una ditta edile sul terreno del proprietario dell'immobile. Lo stesso accade per la progettazione e la realizzazione di un sito web. Avere soltanto lo spazio web senza avere pagine web è come avere un terreno senza casa. D'altra parte, non è possibile costruire una casa ( pagine web ) senza avere un terreno ( spazio web ). Il nome di dominio, come per l'indirizzo fisico di una casa, può esserci oppure meno. La presenza del nome di dominio, in ogni caso, rende più facile trovare il sito web, così come un indirizzo civico consente di far arrivare la posta in casa.

Le fasi della costruzione di un sito web

I principali passi da seguire per la realizzazione di un sito web sono i seguenti:

  • PROGETTAZIONE DI UN SITO WEBLa progettazione del sito web. La progettazione del sito web consiste nella costruzione su carta di ciò che si vuole creare. Quali obiettivi deve raggiungere il sito web? Come devono essere strutturate le informazioni? È una fase facoltativa che pochi effettuano ma che però aiuta ad avere le idee chiare su ciò che si vuole ottenere. Quando si desidera costruire una casa è necessario avere un progetto di costruzione. Lo stesso vale quando si costruisce un sito web.
  • LO SPAZIO WEBLo spazio web. Lo spazio web è lo spazio in cui costruire il sito web per essere visualizzato su internet. Lo spazio web è come il terreno su cui si vuole costruire una casa. Non si può costruire una casa senza terreno. Al pari non si può costruire un sito web senza uno spazio web. Esistono diverse tipologie di spazio. Sul web è possibile reperire servizi che offrono spazi gratuiti e servizi professionali a pagamento (hosting, housing, ecc.). La differenza tra i primi e i secondo è soprattutto nella dimensione e nella qualità dello spazio stesso.
  • LO SVILUPPO DI UN SITO WEB ( REALIZZAZIONE )Lo sviluppo del sito web ( realizzazione o costruzione ). La fase dello sviluppo del sito web consiste nella programmazione del sito web e della sua grafica. Un sito web è scritto con un particolare linguaggio informatico detto HTML. Il linguaggio HTML consente di creare le pagine di un sito web. Le foto sono, invece, preparate tramite appositi software grafici di fotoritocco. Lo sviluppo del sito web è la fase simile alla costruzione vera e propria della casa.
  • COME FARE UN SITO WEBIl nome di dominio. Il dominio ( o nome di dominio ) è l'indirizzo alfanumerico dello spazio web. Uno spazio web è sempre associato ad un indirizzo numerico detto IP ( es. 46.37.12.23 ). L'indirizzo IP non è però mnemonico, non è facile da ricordare e dice ben poco sui contenuti del sito web. Per questa ragione si ricorre alla registrazione di un dominio che permette di associare il numero IP ad un nome alfanumerico (es. www.lapaweb.com). Per continuare la nostra metafora tra un sito web e una casa, il dominio è simile all'indirizzo civico di una casa. Sul web esistono domini gratuiti (domini terzo livello) e domini a pagamento (domini di secondo livello). In genere, pur non essendo una regola universale, i domini di secondo livello sono preferibili in quanto sono più facili da ricordare.

Si tratta ovviamente di una spiegazione molto semplificata ed è utile soprattutto per far comprendere a un neofita come si costruisce un sito web. Se avete già dimestichezza di programmazione... questa pagina potrà farvi sorridere. Del resto, l'obiettivo di questa guida è essenzialmente quello di introdurre chiunque alla conoscenza delle tecniche di realizzazione di una pagina web e del linguaggio HTML, utilizzando parole semplici e partendo da zero.

Quale tipo di sito web scegliere?

Esistono diversi modi, tecniche e linguaggi per sviluppare un sito e diversi tipi di siti web ( siti statici, dinamici, siti flash, ecc. ). Nella lista che segue ho elencato le principali categorie di siti sulla base del costo di realizzazione e delle esigenze finali.

  • Sito Web gratis. I siti web gratuiti sono spazi web gratuiti, spesso messi a disposizione da portali e provider per consentire ai propri utenti di gestire un forum, un blog, una pagina personale, un sito web ecc. Alcune piattaforme blog consentono di scegliere anche il template grafico. In quest'ultimo caso non occorre avere dimestichezza tecnica per gestirlo.
  • Sito Web a pagamento. I siti web a pagamento sono veri e propri siti web professionali. Quasi tutte le offerte includono nel costo dello sviluppo la registrazione di un nome di dominio di secondo livello (es. .it, .com, .org ecc). Anche in questo caso non è necessario avere alcuna dimestichezza tecnica per gestire il sito web. Il costo del sito web si distingue in due differenti componenti:
    • costo iniziale di start-up per lo sviluppo del sito web
    • costo annuale di mantenimento per il rinnovo dello spazio web e del dominio
    I siti web a pagamento hanno un prezzo molto variabile. Si parte dalle poche decine di euro l'anno per un sito web del tipo "sito chiavi in mano" (il quale non ha costi iniziali di start-up) fino alle molte migliaia di euro per un sito e-commerce professionale o personalizzato. Dedicheremo a questi siti un'apposita pagina di approfondimento. Nel corso degli ultimi anni si sono diffusi dei servizi di creazione dei siti web a basso costo ( sito self service ) che offrono all'utente la possibilità di scegliere da sé il template grafico del sito e di modificare i contenuti del sito in modo autonomo, quasi come fosse un self service, mediante dei software di gestione dei contenuti ( CMS ). L'utente sceglie la grafica del sito tramite un pannello di gestione, senza alcun intervento tecnico di programmazione. Non essendoci l'assistenza diretta e la fase di progettazione iniziale del sito, le soluzioni self service ( o chiavi in mano ) hanno costi di start-up e di mantenimento più bassi rispetto a quelle sviluppati ex-novo.
    esempio di costruzione del sito web tramite cms e template self service
  • Sito web amatoriale. Il sito web amatoriale è la terza via. Possono percorrerla soltanto gli utenti con una discreta dimestichezza tecnica dei linguaggi informatici di programmazione web. Per sviluppare un sito web amatoriale è necessario registrare un dominio, acquistare uno spazio web (hosting), sviluppare il sito in linguaggio Html e pubblicarlo online. Se siete a zero d'informatica, evitate questa strada in quanto potreste impiegare molto tempo per creare il sito. Chi fosse interessato a quest'ultima via può seguire online il nostro corso gratuito di Html. È la strada più lenta ma anche quella più ricca di soddisfazioni personali.
    come fare un sito web in html
    I costi di realizzazione del sito sono limitati ad alcune voci, come il costo di registrazione del nome di dominio e dello spazio web. Non ci sono, invece, i costi di programmazione poiché è lo stesso utente a costruirsi da sé il sito web. Negli ultimi anni si sono diffusi dei software Cms ( es. Wordpress, Joomla, ecc. ) che consentono la creazione di un sito web anche senza conoscere il linguaggio Html. Questi software facilitano sia le operazioni di creazione del sito e sia quelle di pubblicazione dei contenuti. Molti software Cms sono gratuiti e open-source. Anche in questo caso non ci sono costi di programmazione. Per la fase di installazione dei software Cms è, comunque, richiesta qualche conoscenza informatica e un pò di dimestichezza tecnica con il computer.

Nelle precedenti tre categorie sono riassunte le principali strade per creare un sito web. Per comprendere quale è la via ideale al proprio caso è opportuno approfondire la conoscenza di ciascuna, senza farsi ingannare dalle voci "gratis" o "gratuito". Se da un lato è vero che la internet free consente ancora oggi di creare siti web a costi minimi, a volte a costo zero, dall'altro è anche vero che non tutti sanno programmare in un linguaggio di programmazione e che la qualità del risultato può variare sensibilmente . Per alcuni progetti online è necessario avvalersi del lavoro di operatori specializzati, quali le web agencies ed i programmatori webmaster. Personalmente, indipendente dalla strada che si sceglie, consiglio a tutti di provare la vita amatoriale e crearsi almeno qualche pagina web da sé, in modo da acquisire un minimo di conoscenza del linguaggio HTML. Non è così difficile come sembra.

condividi su Facebook
segui Lapaweb su Facebook


Scrivi il tuo commento sulla pagina
"Come fare un sito web "


Il tuo nome (facoltativo)


Come fare un sito in HTML

Un sito web è realizzato con il linguaggio HTML, un particolare linguaggio informatico che permette ai browser dell'utente la visualizzazione dei testi, delle immagini e dei link delle pagine web. Chi conosce il linguaggio HTML può ridurre veramente al minimo il costo di realizzazione del sito web in quanto gli è sufficiente compilare il codice della pagina html usando un qualsiasi applicativo di scrittura testi come il Notepad in Microsoft Windows. Il primo passo consiste nell'imparare i linguaggi informatici di programmazione web. I principali linguaggi, quelli di cui non si può fare a me no, sono i seguenti:

  • Il linguaggio HTML. Il linguaggio HTML è composto da un insieme di tag che prmettono di organizzare i contenuti testuali e grafici sul web.
  • Il linguaggio CSS. È un altro linguaggio web oriented. Anche se non è proprio necessario conoscerlo, è ormai opportuno utilizzarlo. Software per creare pagine web

Chi non conosce il linguaggio HTML può utilizzare dei software detti WYSIWYG (what you get is what you see) che permettono di costruire il sito web senza necessariamente possedere le conoscenze informatiche di programmazione. Questi software consentono di creare l'architettura del sito a video, usando principalmente il mouse, salvando il risultato finale direttamente sotto forma di pagina HTML. Esistono software WYSIWYG open source e gratuiti ma, va detto, i migliori sono software a pagamento (es. Dreamweaver, Frontpage, ecc.).

Le immagini del sito web. Uno degli aspetti che ha contribuito al successo del web è soprattutto la possibilità di inserire delle immagini grafiche all'interno delle pagine. È quindi opportuno dotarsi di un software di fotoritocco, vanno bene anche quelli gratuiti ( es. Paint, Gimp, ecc. ), per poter ridimensionare le immagini, creare dei pulsanti grafici, ecc.

Software di fotoritocco. Fin qui abbiamo visto come fare una pagina web. Va però specificato che sia il linguaggio HTML sia i software WYSIWYG possono essere usati per scrivere testi e per visualizzare le immagini già create in precedenza. Per creare o modificare le immagini è necessario utilizzare dei software grafici di fotoritocco. Anche in questo caso esistono software grafici gratuiti e non. Tra quelli gratuiti merita d'essere citati Paint su Windows e il software GIMP. Il software di fotoritocco a pagamento più apprezzato e conosciuto è, invece, Adobe Photoshop, particolarmente adatto per esigenze professionali. Esistono comunque una grande varietà di software grafici amatoriali, spesso sono contenuti nelle confezioni delle fotocamere digitali o possono essere scaricati online in versione shareware.

Lo spazio web. Una volta realizzate le pagine html e le foto del sito web, per renderle visibili a tutti gli utenti su internet è necessario trasferirle in uno spazio web.

L'indirizzo web. Ogni sito web ha una home page e diverse pagine web che risiedono a un determinato indirizzo web. Da un punto di vista tecnico ogni indirizzo è composto da quattro valori numerici ( es. 95.198.39.32 ) detto IP. È però difficile da ricordare. Per aiutare gli utenti a ricordare l'indirizzo del sito è possibile acquistare un nome di dominio. Il nome di dominio rende facilmente rintracciabile il sito web su internet. Tutti possono registrare un nome di dominio, sia i cittadini privati che le società, e il costo di registrazione è tutto sommato abbastanza basso, si parla di qualche decina di euro l'anno.

Si può fare anche a meno della registrazione del dominio, magari accontentandosi di qualche sottodominio o di qualche directory di altri domini, ma è fortemente consigliabile registrare un dominio per ogni sito web. Gli spazi gratuiti hanno indirizzi URL molto lunghi e complessi da ricordare. Il nome di dominio, invece, è corto e facilmente ricordabile. Del resto, non è che costi molto. La registrazione di un dominio costa, in media, circa 10-20 euro l'anno sulle estensioni più comuni .IT, .COM, .ORG o .NET. In un certo senso, il nome di dominio equivale all'indirizzo di residenza del sito web. Se non ci fossero gli indirizzi, nessun postino riuscirebbe mai a consegnare la posta. Lo stesso vale anche sul web. Per quanto riguarda il dominio, in alcuni casi si può fare anche a meno del dominio di secondo livello, è però fortemente consigliabile averne almeno uno a disposizione.

Messa online o pubblicazione. L'ultima fase è la messa online. Una volta costruite, le pagine web ( documenti HTML ) e le immagini devono essere trasferite sulla root e sulle directory dello spazio web. In genere, per quest'ultima operazione si utilizzano dei software basati sul protocollo FTP che consentono il trasferimento dei files dal proprio computer al computer server ( spazio web ).

In conclusione. Questi elementi sono fondamentali nelle operazioni di costruzione di un sito web. Non ha molto senso acquistare un indirizzo e uno spazio web, senza sviluppare un sito web. Cosa vedrebbero i visitatori, un pagina bianca. Allo stesso modo, sviluppare un sito web senza avere uno spazio web in cui pubblicare i files, non consentirebbe a nessun utente di visualizzarli. Questi sono gli strumenti del mestiere per creare un sito web amatoriale. Chi realizza i siti web professionali si avvale di ben altre conoscenze ( database, crm, ecc. ) che gli consentono di costruire progetti online anche molto complesso. Questo breve promemoria è, invece, dedicato soprattutto a chi vuole provare a creare un sito web amatoriale.

Come creare un sito web gratis

Creare un sito internet non è più difficile come una volta. Sulla Rete sono disponibili diversi servizi gratuiti per creare un blog o un sito internet. Alcuni non richiedono la conoscenza informatica del linguaggio html. Sono servizi utili soprattutto per esigenze di tipo personale o amatoriale.

  • Altervista Uno dei principali servizi gratuiti per creare siti web è Altervista. Permette a tutti, webmaster esperti di programmazione o semplici neofiti, di aprire siti con funzionalità avanzate, per audience di ogni genere o dimensione. Puoi anche creare un blog, una fotogallery, un forum o un portale con un click.
  • Wordpress. È un software gratuito per sviluppare un blog / sito web. È famoso per la sua facilità di utilizzo e per la possibilità di cambiare il template grafico del sito web con pochi clic. Wordpress può essere scaricato gratuitamente (licenza GNU) ed installato sul proprio spazio web. In alternativa, è possibile aprire un canale blog direttamente sulla piattaforma online gestita da Wordpress.
  • Blogger. La piattaforma Blogger.com consente di creare gratuitamente un vero e proprio sito web senza conoscere l'html. È sufficiente iscriversi al servizio, scegliere la grafica del sito e di aggiornarlo tramite un pannello CMS di facile utilizzo. Si può aprire un sito web blog in meno di 5 minuti. Il servizio blogger è attualmente gratuito. Per ulteriori approfondimenti consultate la nostra guida su come aprire gratuitamente un blog.
  • Google Sites. È il servizio offerto da Google. Permette di creare il proprio sito web sul dominio google. È gratuito e veloce. I siti risiedono sulle directory del dominio di terzo livello di Google Sites. Consente di scegliere il modello grafico tra diversi template grafici predefiniti. Non necessita di alcuna conoscenza tecnica di programmazione ed è gratuito.
  • Corso HTML Un'altra via per costruire un sito web è più impegnativa ma ricca di soddisfazioni. Consiste nel crearsi da sé il proprio sito imparando il linguaggio HTML. È sufficiente avere il notepad di Windows, un browser e buona volontà. Il linguaggio HTML è molto semplice. Segnaliamo il nostro corso online gratuito. Per pubblicare il proprio lavoro occorre munirsi di un software Ftp e di uno spazio web. Se partite da zero... mettente in conto anche molta pazienza.